14/01 M.Maggio - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

14/01 M.Maggio

Diario di Bordo > 2015

Folgaria
M. Maggio 14/01/2015

Anche in questi primi giorni del nuovo anno il proverbiale candore della neve si fa desiderare, ma per nostra fortuna a compensarne la mancanza oggi tre simpatici amici si sono uniti a noi, e così lasciata l’opprimente foschia giù in pianura siamo risaliti sul solare altopiano di Folgaria. Raggiunto Passo Coe e lasciata l’auto nel sottostante parcheggio dell’ex base militare (1543m), dopo aver indugiato un po’ nei dintorni della stessa, giusto il tempo per qualche foto ai monumentali missili Nike-Hercules imbocchiamo poi la carrareccia che dirige a S. Lasciata alla nostra sinistra la storica Malga Zonta e aggirato il dosso di malga Melegna, proseguiamo poi a W lungo il tracciato della carrozzabile fino a intercettare più in alto il segnavia n°124 (E5) che perviene direttamente da Passo Coe, e da qui puntando direttamente la ben visibile croce di vetta, calpestando vecchia neve e insidiose placche ghiacciate in breve approdiamo ai 1853 m. del M.Maggio (ore1:35). Da quassù la vista spazia sul dirimpettaio Pasubio, su tutti i monti dell’altopiano fino agli inconfondibili torrioni dolomitici del Brenta, mentre a est, lame di luce attraversano la gelatinosa foschia che grava sulla vallata, creando un’incantevole scenario di luci e ombre. Purtroppo la gelida tramontana non dà tregua, e rintanandoci così nel sottostante bunker in calcestruzzo (manufatto del 15/18), al riparo della frizzante brezza ci concediamo la consueta sosta panino. Quattro ciàcole con i nuovi compagni e calzati per prudenza i ramponi, ricalcando a ritroso il medesimo tracciato dell’andata, infine non ci rimane che ritornare direttamente giù al nostro punto di partenza (ore1:55.).  

Dislivello assoluto 310 m.
Tempo totale di cammino ore 3:30.
Lunghezza del percorso Km 10.
                                                                       
 


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu