22/10 Alta Lessinia - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

22/10 Alta Lessinia

Diario di Bordo > 2016
Tra Boschi e Pascoli dell’Alta Lessinia
22/10/2016
Giusto per sgranchirci un po’ le gambe e senza dover faticare troppo, oggi eccoci a passo Fittanze (1399m), dove lasciata l’auto non rimane che l’imbarazzo di scegliere il sentiero e la direzione da seguire per un’escursione in libertà, sull’ondulato altopiano della Lessinia. Camminando verso est, lasciato l’asfalto della strada e girate le spalle al storico monumento, alla nostra sinistra risaliamo il dosso di malga Fittanze, e proseguendo sull’evidente sentiero che a nord taglia per il verde alpeggio, superato più avanti un antico cippo e risalito il successivo dosso boschivo che più in alto rimonta sui prati di Baito di Roccopiano (1501m, 30 min.), ecco che proseguendo a est ci portiamo al Bivio del Piocio (1560m, 30min.). Seguendo ora verso N la strada per Malga Lessinia e M.Castel Berto, da lì a poco in località Pozza Morta (1588m, 10min.) alla nostra destra deviamo sul segnavia bianco/azzurro per il Vajo dei Modi. Tra prati e grigi calcari modellati dall’erosione, seguendo un caratteristico filare di lastre in pietra e calando poi nel boscoso Vajo dei Modi, tralasciate più in basso le indicazioni che a destra indirizzano per vajo dell’Anguilla e mantenendoci invece sull'evidente tracia alla nostra sinistra, ben presto a nord sfociamo nella verde dolina che custodisce l'inghiottitoio dell'abisso dei Modi. Risalendo la china della collina che dinnanzi a noi si erge a oriente, dal fondo avvallamento ci portiamo sulla stretta carrareccia (1565m, 50 min.) di collegamento tra  malga Lago Boaro e la provinciale 14 dell’alta dorsale lessinica, ( 1666m, 30min.). Raggiunta la provinciale  risaliamo sul dosso erboso che a nord sovrasta la strada stessa, e camminando verso W lungo il panoramico sentiero dei “Cordoni” , l'ampia vista sul dolce e ondulato altipiano ci riporta indietro nel tempo, quando con compagnie ben più numerose calpestavamo questi medesimi senteri. Così, tra vecchi ricordi e nuove sensazioni, ritornati sulla sottostante strada e transitando più avanti per Bivio di Castel Berto (1700m, 20min.),  alternando tratti di strada a scurtoli erbosi, più a sud giungiamo alla storica Malga Lessina (15min.), ormai nostro consueto punto ristoro. Riprendendo a questo punto il nostro cammino verso meridione, seguendo la strada e passando nuovamente per bivio del Pidocchio, mantenendoci un po’ più a lungo sulla strada asfaltata per Fittanze e risalendo più avanti sul dosso prativo di Baito Roccopiano, ricalcando da lì in poi a ritroso il sentiero fatto all’andata, alla fine concludiamo a Passo Fittanze (50 min.).
Dislivello assoluto 320m.
Tempo di cammino ore3:55.
Lunghezza tragitto Km. 13.
                                                                                               
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu