10/01 S. Benigno e Caro - GrEsGa

Vai ai contenuti

10/01 S. Benigno e Caro

Diario di Bordo > 2018
Eremo S. Benigno e Caro
10/01/2018
Per inaugurare questo nuovo anno, numerosi e scalpitanti più che mai oggi ci ritroviamo sul sagrato della chiesa di Cassone (89m.), dove infilandoci nella stretta viuzza che s’inerpica su a monte (segnavia n°1), varcato un caratteristico portico e lasciate alle spalle le ultime abitazioni, non rimane che attaccare subito l’erto e impietoso versante occidentale del Baldo. Con pendenze che via via diventano sempre più erte e passando da lì a poco dinnanzi ad una caratteristica fontana coperta, approfittando dei provvidenziali varchi che tra la folta vegetazione regalano luminosi scorci sul lago e transitando strada facendo davanti all’evocativo capitello della “Merla” (793m, ore 1.), trafelati e con il fiato corto infine approdiamo sul piccolo pianoro dell'eremo di San Benigno e Caro (830m, 40min.). Giusto il tempo per una breve pausa e curiosare un pò nelle buie spelonche poste alle spalle dell’eremo, e incamminandoci nuovamente sul sentiero n°1, risalita un’ultima rampa che fuoriesce dall’impluvio della Val dei Mulini e transitando subito dopo per il valico di Porta Vescovo (832m), ecco che finalmente su sentiero pianeggiante giungiamo nel solare alpeggio di Malga Fiabio (721m, ore1). Sosta rancio, foto di gruppo, e calando ora giù a nord per la Val dei Stalloni e prestando attenzione a non scivolare sulla scoscesa via cementata, passando tra i casolari di località San Maggiore (638m, 40min.) e proseguendo da lì l’interminabile discesa lungo la panoramica, tra case e terrazzamenti d’olivo infine sbuchiamo direttamente sulla sottostante Gardesana (72m, ore1:10). Attraversata a questo punto la strada e camminando sul rilassante lungo lago, lasciandoci trasportare dall’incantevole scenario della Val di Sogno e i magici riflessi delle acque gardesane, più a sud eccoci al porto di Cassone, dove attraversata nuovamente la gardesana e l'Aril, non rimane che risalire un’ultima erta via che su in alto termina dinnanzi alla Chiesa, nostro punto di partenza (30min.). ­
Dislivello assoluto 760m.
Tempo di percorrenza Ore 5.
Lunghezza tragitto Km 14.

                                                                        
 
 
Torna ai contenuti