1.3 Pregasina - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

1.3 Pregasina

Diario di Bordo > 2012

01.03.2012 

 Pregasina

Giunti a Riva del Garda il nostro viaggio in auto prosegue per la Val di Ledro, dove dopo aver guadagnato l’uscita della seconda galleria e presa alla nostra sinistra la strada per Pregasina, attraversato per intero il piccolo borgo lasciamo l’auto nel comodo parcheggio sottostante la chiesetta di S.Giorgio (532m). Imboccato il sentiero n°422, transitando d’innanzi alla chiesetta e usciti nel frattempo dal paese, più a sud confluiamo sul segnavia n°422b, il quale attraversando boschi e alternando risalite a tratti pianeggianti, intersecando di tanto in tanto la strada forestale porta a bocca Larici (907m, ore1). Concedendoci a questo punto una breve deviazione sul vicino e strapiombante promontorio di Punta Larici, giusto il tempo per qualche scatto sull’impareggiabile panorama e ritornare sui nostri passi, riagguantato poi il tracciato del segnavia 422b e transitando da Malga Palaer (946m, 20min.), ecco che più a sud raggiungiamo la massima elevazione della nostra escursione, Passo della Rocchetta (1159m, 30min.). Qui seduti sul muretto a ridosso di una piccola casupola, consumiamo il nostro spuntino e ci lasciamo rapire dal stupendo spettacolo che l’anfiteatro del Garda immancabilmente ci offre. Per il ritorno ci affidiamo al sentiero n°422, che ritornando verso nord e mantenendosi più alto e sul lato opposto della valle rispetto al tracciato dell’andata, intercettando più avanti la sterrata “tagliafuoco” e raggiunta località “Tof”, seguendo l’indicazione della SAT che nella sua parte finale diviene a fondo cementato e ancor più scosceso, più in basso ci ritroviamo a camminare sul sentiero 422b, che a questo punto a ritroso ci riporta all’abitato di Pregasina (ore1:10).
Dislivello totale 627m.
Tempo totale di percorrenza ore 3.

                                                                          




 
Torna ai contenuti | Torna al menu