15.2 Dosso di Costalta - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

15.2 Dosso di Costalta

Diario di Bordo > 2010

Dosso di Costalta 15/02/2010 

La meta di oggi è situata nella zona dell’altopiano di Pinè (TN) all’estremità occidentale del Lagorai. Il nostro percorso ha inizio dal Passo di Redebus (1445m), dove incamminandoci sul sentiero n° 404 che risale ripidamente nel fitto bosco di abeti, più avanti sbuchiamo nella solare radura di m.ga Péz (1583 m, 30min). Giusto il tempo per una foto di gruppo, e a ridosso della malga proseguiamo poi sul sentiero che inoltrandosi nuovamente nel bosco conduce alla seconda malga della giornata, quella di Combroncòi (1705m, 35min.). Dopo aver curiosato un po’ intorno alla malga e fatto una seconda foto di gruppo davanti a un stupendo Crocifisso ligneo, seguendo le tracce che a ovest si infilano nuovamente nel bosco e transitando per una prima "antecima", su terreno sboscato alla fine agguantiamo la brulla gobba del Dosso di Costalta (1955 m,ore 1:05.). Da qui la vista spazia a 360° su tutte le cime del Lagorai , del Bondone, del Gruppo del Brenta e sul sottostante altopiano di Piné e i suoi laghi. Per il ritorno ripercorriamo a ritroso il sentiero n°404 fino a m.ga Cambroncòi (35min.), dove lasciato il sentiero decidiamo di ritornare al passo di Redebus camminando direttamente sulla comoda strada forestale (50min.).
Dislivello max. 500 m.
Tempo totale di percorrenza ore 3:35.

Note
Oggi l’uso delle ciaspole si è rivelato quasi superfluo, infatti la maggior parte del percorso era ricoperta da una neve ben battuta, e in qualche caso era più utile l’uso diei ramponi. All’arrivo sulla cima siamo stati accolti da un vento gelido che però non ha potuto negarci la vista di un splendido panorama! 


                                           
       


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu