19.4 malga Zovel - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

19.4 malga Zovel

Diario di Bordo > 2013

Malghe Zovel e Brione

19/04/2013

L'imprevedibile e capricciosa primavera si fa veramente desiderare, però l’orologio della natura non si ferma; a vivacizzare l’uggiosa giornata ci hanno pensato i variopinti fiori, puntuali ambasciatori della bella stagione. Primule, viole e stuoli di crocchi sono stati i nostri compagni di viaggio, e prima di giungere a malga Brione scorgiamo i rosei fiori di Daphne Mezereum, meglio conosciuto come “Fior di Stecco” il cui nome popolare deriva dal fatto che i fiori sbocciano sui secchi rami, anticipando la comparsa delle foglie. Grazioso sì, ma non lasciatevi ingannare, infatti il piccolo arbusto è velenoso in qualsiasi sua parte, e sopratutto le sue invitanti bacche rosse, le quali se ingerite sono letali anche per una persona adulta.

Breve descrizione  
Imboccato a Sommavilla (83m) l’erto vicolo a fondo cementato n°654 che esce dall’abitato, in direzione sud-est, tra le terrazze coltivate ad olivo guadagniamo velocemente quota, e tralasciato il segnavia 30 che incontriamo più avanti, continuando ad arrancare faticosamente sul selciato della mulattiera e transitando nel frattempo per località Carpenare (622m, ore1), l’erta e lunga salita termina infine sul panoramico terrazzo erboso di Malga Zovel (980m, ore1). Lasciata la radura, lì vicino ci incamminiamo direttamente sulla strada asfaltata che dal lago risale a Prada, nota come “Punta Veleno”; la risaliamo seguendone il sinuoso tracciato, e dopo quattro tornanti, a quota (1080m, 15min.) l’abbandoniamo per deviare verso nord sul pianeggiante e trasversale segnavia n°32. La tranquilla camminata viene improvvisamente interrotta dal rapido passaggio di una colonia di caprioli, che spaventati corrono veloci al sicuro, su per l’impervio pendio. Poco dopo l'inatteso incontro e raggiunta nel frattempo l’amena radura di Malga Brione (945m, 30min.), giusto il tempo per una breve pausa e iniziamo la lunga discesa giù dal sentiero n°30,  che passando nei pressi di un traliccio metallico e proseguendo poi a sinistra giù in valle, su terreno ghiaioso e scosceso, confluendo più in basso sul sentiero n°654 già percorso all’andata (300m, ore1), a ritroso infine concludiamo a Sommavilla (25min.).
Dislivello max.
1000m.
Tempo di percorrenza ore 4:10.
Lunghezza del tragitto
 12 Km.

Come raggiungere Sommavilla
Per raggiungere il nostro punto di partenza conviene percorrere la gardesana orientale fino al paese di Assenza, e qui abbandonata la strada regionale si prende l’erta via che sale su a Sommavilla. Il piccolo borgo è avaro di parcheggi, e pertanto abbiamo lasciato l’auto in un’area di sosta lungo la strada, poco prima di raggiungerlo.
Note
I due principali sentieri percorsi oggi, il 654 e il 30, sono accumunati da un unico denominatore “ la pendenza” infatti, a parte il conforto del sentiero 32, che pianeggiante collega le due malghe, per il resto del tragitto, il ripido versante occidentale del M.Baldo, proprio qui dà il meglio di sé, dando del filo da torcere anche al miglior arrampicatore. Pertanto l’escursione di oggi, anche se priva di passaggi esposti, è riservata solo ai più allenati. Inoltre è necessario prestare attenzione nel calare giù dal segnavia n°30 poiché la segnaletica non è ben evidente.

                                                                            

 
Torna ai contenuti | Torna al menu