16/12 sent. Pellegrino - GrEsGa

Vai ai contenuti

16/12 sent. Pellegrino

Diario di Bordo > 2017
M.Cimo (Spiazzi)
16/12/2017
Giusto per sgranchire un po’ le gambe e interrompere così la lunga pausa che da qualche mese mi ha allontanato dai sentieri montani, oggi rieccomi qui sui gradini del mistico sentiero del “Pellegrino”, che risalendo da Brentino (173m) fin su al Santuario della “Madonna della Corona” (836m, ore1:20), più su ancora mi porta nell’antico borgo di Spiazzi (860m, 10min.), dove imboccata la via a lato della Locanda “Speranza” ad est risalgo il sentiero affacciato sul Vajo dell’Orsa. Ammirando strada facendo l’esclusiva vista sul sottostante Santuario Mariano e il dirimpettaio altopiano lessinico, ecco che con ampio giro orario su in alto mi ritrovo a vagare tra i filari del vitigno “Maso della Corona”, sommità del M.Cimo (954m, ore1) e massima elevazione della mia passeggiata. Quassù mi aspetta l’incantevole vista, che dalle acque gardesane, via, via verso nord scorre lungo le creste del Baldo e i suoi contrafforti orientali, e scrutando poi nel profondo solco dell’Adige e sull’ampio tavolato lessinico, alla fine l’angolo giro si addolcisce sulle colline della valpolicella per atterrare infine a sud nella pianura padana. Un splendido panorama che se pur già più volte ammirato, proprio grazie alla sua solitaria e facile posizione non finisce mai di stupire. Dopo aver vagato un po’ tra i filari, giù in basso mi ritrovo a camminare sull’asfalto del stradello che in breve mi riporta a Spiazzi (20min.), e dove ripresa lì la scoscesa via che cala al santuario, dinnanzi alla “Fontana dell’indipendenza” alla scalinata stavolta preferisco la tortuosa via crucis, che scoscesa e a stretti tornanti giù in basso mi porta direttamente all’imbocco della galleria d’accesso al Santuario (20min.). Dopo la doverosa visita alla Basilica e aver curiosato nei solitari meandri dell’antico romitorio, imboccata nuovamente la scalinata che digrada in valle, a ritroso e con le ginocchia affaticate non mi rimane che concludere il periplo giù a Brentino (50min.).
Dislivello assoluto 781m.
Tempo totale di cammino ore 4:10.
Lunghezza tragitto Km. 11.
                                                                
Torna ai contenuti