8.4 Monte Spino - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

8.4 Monte Spino

Diario di Bordo > 2011

08.04.2011 

Monte Spino

Raggiunto Gardone Riviera si prende la deviazione per il paese di San Michele, dove in prossimità del ristorante Colomber (420m.), lasciata l'auto diamo inizio alla nostra escursione. Incamminandoci sul sentiero n°1 che a ovest esce dal piccolo borgo, camminando paralleli alla riva del torrene e passando per località Verghere (653m. 50min.), salendo poi nel bosco ci portiamo al crocicchio di località Gemelle (952m. 45min). Tralasciando il sentiero che alla nostra sinistra porta all'attacco della via ferrata "Spigolo bandiera", persisendo sul segnavia n°1 e proseguendo dritti sul fondo valle, a nord risaliamo sul Passo dello Spino (1154 m. 30min). Deviando ora a sinistra e tralasciando le indicazioni per il rifugio Pirlo, poco più avanti, ad un successivo bivio scorgiamo l'indicazione del "Sentier dell'amicizia" per la cima dello Spino. La salita non presenta grosse difficoltà, se non nell’ultima parte dove complice il caldo quasi estivo, la pendenza si fa sentire. In vetta (1504m. ore1:10) un monumento composto da una picozza, un´aquila d´oro e una madonnina ci aspettano per la meritata sosta. Per la discesa optiamo per il sentiro 4, che compiendo un ampio cerchio in direzione sud-ovest, più in basso porta direttamente al rifugio Pirlo (1167m. 30min). Per il ritorno a valle ora ci affidiamo alle indicazioni dei segnavia 25 e 29, che condividendo un tratto di sentiero e partendo sul retro del rifugio, calando dolcemente con ampio giro verso ovest, ad un'ennesima biforcazione (40min.), più avanti si separano. Qui mantenendoci ora sulle indicazioni del segnavia 25 per S.Michele e deviando giù alla nostra sinistra nella "Val di Sur", ricongiungendoci con il sentiero n°1 dell'andata e transitando nuovamente per Loc. Verghere (45min.)  a ritroso completiamo il nostro periplo a S.Michele (40min.).  

Dislivello max: circa m. 1100
Tempo totale di percorrenza
 ore 5:50.


Curiosità:

Il Monte Spino, nel dialetto locale "L'Espì", è una montagna calcarea che si estende fra il Passo della Fobbiola, il Passo di Spino ed il Buco del Gatto. Nel suo versante Nord vi sono pilastri roccioso calcarei non ancora saliti; il versante Sud degrada con i pendii erbosi della "Costa Mandria" mentre ad Est con quelli del "Forseul"; a Sud-Ovest la cresta, che costituisce anche il confine del "Parco Alto Garda Bresciano", va a saldarsi con Marmera.

                                         


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu