7.11 Molveno - GrEsGa

Vai ai contenuti

Menu principale:

7.11 Molveno

Diario di Bordo > 2013

Molveno (periplo della val delle Seghe)

07/11/2013

Quando sentiamo nominare il Brenta ecco che il pensiero và ai due straordinari giorni trascorsi  sulle vertiginose cenge della leggendaria “Via delle Bocchette”. Oggi invece ci limitiamo a camminare tranquilli ai piedi delle incombenti pareti orientali del gruppo montuoso “L’isola più occidentale del prezioso arcipelago dolomitico”  
Partendo da Molveno (970m), nei pressi della stazione a valle dell’impianto di risalita scorgiamo le indicazione per il  Pradel, e così abbandonando sin da subito l’abitato e inoltrandoci nel folto bosco, seguendo le indicazioni e l’evidente traccia perveniamo dapprima all'ampia radura di "Spiaz de Piof" (1160m, 30min.), e proseguendo poi verso monte approdiamo al panoramico pianoro del Pradel (1360m, 30min.), dove al momento è in rifacimento la stazione d’arrivo dell’impianto che risale direttamente da Molveno. Dopo esserci deliziati con la bella vista sulle smeraldine acque del lago e la dirimpettaia Paganella, ricalcando su a monte il tracciato della pista da sci del Pradel e transitando più in alto per malga Tovre (1460m, 20min.), infine approdiamo alla panoramica terrazza del rifugio Montanara (1520m, 15min.), dove le imponenti e maestose pareti del Brenta la fanno da padrona e i scatti fotografici si sprecano. Da qui seguiamo il n°340b (sentiero delle gallerie), che calando di quota in direzione delle incombenti pareti dolomitiche e confluendo più in basso sul 340 proveniente direttamente dal Pradel (15min.), più avanti  porta al storico rif.Croz dell’Altissimo (1450m, 45min.). Per il ritorno optiamo per la carrozzabile di fondovalle indicata col n°322, che transitando per Baita Ciclamino (950m, 50min.) e costeggiando le vivaci acque del rio Massodi, alla fine della lunga discesa ci riporta comodamente sulle tranquille rive del lago di Molveno (15min.).

Dislivello max.
650 m.
Tempo totale di percorrenza
ore 3:35.
Lunghezza tragitto A-R
 15 Km.

Lasciata l’autostrada A22 a Trento Nord, proseguendo per Mezzolombardo, e oltrepassata la galleria, a destra seguiamo le indicazioni per Fai della Paganella e Molveno, una volta giunti, il punto di partenza dell’escursione si trova nella parte alta del paese, i prossimità della stazione dell’impianto di risalita per il Pradel.

Note

Causa la ristrutturazione dell’impianto di risalita, siamo partiti a piedi direttamente da Molveno, ma volendo accorciare la camminata, la cabinovia sarebbe un’ottima alternativa per risalire più rapidamente al Pradel, e magari, da lì approfittare del tempo risparmiato per effettuare un giro più ampio su per le pendici orientali del Brenta. Consiglio di prestare un po’ d’attenzione nella discesa sul sentiero n°340b che cala giù dal rif. Montanara, in quanto alcuni passaggi sono esposti e scoscesi (e comunque sono ben asserviti da cavo di cortesia). In quanto alla segnaletica è ben predisposta, e non dà adito a dubbi d’orientamento.

                                                                       


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu