17.9 M. Bondone - GrEsGa

Vai ai contenuti

17.9 M. Bondone

Diario di Bordo > 2014

Tre cime del Bondone
17/09/2014
Lasciata l’auto nella verde conca delle Viotte (1550m), ed ecco che ben decisi a non lasciarci intimidire da un po’ di nuvole a sud attraversiamo i prati della torbiera delle Viotte fino ad intercettare il sentiero n°636 (20min.) che risale dai “Fogolari”, il nostro sentiero maestro per le tre cime del Bondone.

Inizialmente a margine del bosco e più ad ovest intrufolandoci dentro, superata nel frattempo la fascia boschiva iniziamo ad arrancare sempre più faticosamente sull’erto versante settentrionale fino a sbucare nel verde pendio sommitale di Cima Verde (2090m, ore1:25), dove tralasciata la breve deviazione che porta alla vetta stessa e persistendo sul segnavia 636, più a ovest giungiamo alla base del Dosso d’Abramo, la vetta intermedia del nostro periplo. Aggirata ora la base del tozzo torrione e mantenendoci sempre sul versante settentrionale del monte, giungiamo alla sella d’Abramo (2060m, 40min.), dove un breve tratto attrezzato ci porta a guadagnarne il pianoro sommitale e la vetta stessa (2130m, 20min). Come ci si aspettava la fosca giornata lascia ben poco da ammirare, e a parte qualche fiore ormai appassito, sodisfati della meta raggiunta e sperando che almeno la pioggia ci sia risparmiata, calando nuovamente giù alla sottostante sella ad ovest proseguiamo fino ad intersecare la deviazione che porta alla vetta del successivo M.Cornetto (2030m, 10min.).
A questo punto, visto che l’ingrata giornata non ispira granchè, anche qui tralasciamo la salita alla vetta per imboccare il sentiero n°607, dove calando direttamente a N lungo la dorsale della “Costa dei Cavai” e raggiunto giù in basso l'ampio pianoro delle Viotte (1560m, ore1.), seguendo il viottolo sterrato concludiamo al centro fondo, nostro punto di partenza (15min.).   
Dislivello assoluto 510 m.
Tempo totale di cammino ore 4:10.
                                             



Torna ai contenuti