22/10 Alta Lessinia - GrEsGa

Vai ai contenuti
Privacy e Cookies Policy

22/10 Alta Lessinia

Diario di Bordo > 2016
Lessinia
Tra Boschi e Pascoli dell’Alta Lessinia
22/10/2016
Giusto per sgranchirci un po’ le gambe e senza dover faticare troppo, oggi eccoci a passo Fittanze (1399m), dove lasciata l’auto non rimane che l’imbarazzo di scegliere il sentiero e la direzione da seguire per un’escursione in libertà, sull’ondulato altopiano della Lessinia.

Lasciato l’asfalto della strada e girate le spalle al storico monumento, alla nostra sinistra risaliamo il dosso di malga Fittanze, e proseguendo sull’evidente sentiero che a nord taglia per il verde alpeggio, superato più avanti un antico cippo e risalito il successivo dosso boschivo che più in alto rimonta sui prati di Baito Roccopiano (1501m, 30min), ecco che proseguendo a est ci portiamo al Bivio del Piocio (1560m, 30min). Seguendo ora verso N la strada per Malga Lessinia e M.Castel Berto, da lì a poco abbandoniamo la carrabile per deviare a destra sul segnavia bianco/azzurro che in località Pozza Morta (1588m, 10min) indirizza al Vajo dei Modi. Tra prati e grigi calcari ci ritroviamo così a camminare a ridosso del caratteristico filare di lastre in pietra che qui funge da recinto per i pascoli, e calando più avanti nel successivo boscoso impluvio, ecco che tralasciata l’indicazione per il vajo dell’Anguilla nel frattempo a sinistra sbuchiamo nella lussureggiante dolina che custodisce l'inghiottitoio dell'abisso dei Modi. Attraversato l’avvallamento e risalito l’opposto versante, su in alto andiamo a intercettare la stretta carrareccia di servizio a   malga Lago Boaro (1565m, 50min) per proseguire poi a sinistra fin sulla provinciale 14 (1666m, 30min), la lunga carrabile che da est a ovest attraversa l’intero alpeggio dell’alta Lessinia. A questo punto della giornata alla strada maestra preferiamo il sentiero dei Cordoni”, l’antica traccia che più in alto e parallela alla provinciale stessa segue l’antico confine austro-ungarico, un panoramico sentiero con vista sul Carega e il Baldo che nel frattempo a ovest porta al Bivio di Castel Berto (1700m, 20min), ennesimo crocicchio della giornata dove alternando tratti di strada a scorciatoie per prato, a sud giungiamo a Malga Lessina (15min).
Riprendendo a questo punto il tracciato della strada fino al bivio del Pidocchio e mantenendoci da lì un po’ più a lungo sulla strada stessa, ecco che più avanti risaliamo nuovamente sul dosso di Bàito Roccopiano, dove preferendo all’asfalto il sentiero del mattino, attraversato il pascolo e immergendoci nel bosco diventa facile tornare sui nostri passi e concludere questa giornata da "Turisti per caso" a Passo Fittanze, nostro punto di partenza (50min).
Dislivello assoluto 320m.
Tempo di cammino ore3:55.
Lunghezza tragitto Km. 13.                                 
Torna ai contenuti